Crea sito

Dormire nel fienile con una ragazza

C’è una poesia di Nino Pedretti che c’entra con il nostro spettacolo, È sempre sabato sera quando non si lavora, tratto da La paga del sabato di Beppe Fenoglio, la poesia dice così:

I PARTIGIANI

Non è per via della gloria
che siamo andati in montagna
a fare la guerra.
Di guerra eravamo stufi,
di patria anche.
Ma avevamo bisogno di dire:
lasciateci le mani libere,
i piedi, gli occhi, le orecchie;
lasciateci dormire nel fienile
con una ragazza.
Per questo abbiamo sparato,
ci siamo fatti impiccare
e siamo andati al macello
piangendo nel cuore,
con le labbra che tremavano.
Ma anche così sapevamo
che di fronte a un boia di fascista
noi eravamo persone
e loro marionette.

E adesso che siamo morti
non rompeteci i coglioni
con le cerimonie:
pensate piuttosto ai vivi,
che non debbano perdere anche loro
la giovinezza.

(Nino Pedretti – Al vòusi)

Il debutto

Samuele Carosiello per È sempre sabato sera quando non si lavora

Samuele Carosiello per È sempre sabato sera quando non si lavora

Debuttare abbiamo debuttato (sabato 25 aprile 2015). Adesso vediamo se ci riesce di ballare.

Una Repubblica fondata

Siamo una Repubblica fondata sul lavoro e se siamo una Repubblica fondata sul lavoro è, anche, grazie alla Resistenza.

Per questo non dobbiamo mai dimenticare da dove veniamo. Come cantavano gli Eiffel 65.

Il 25 Aprile, Festa della Liberazione, a Casseta Popular, in via Tripoli 56, Grugliasco (Torino) alle 21,30, facciamo È sempre sabato sera quando non si lavora, uno spettacolo di dire e di ballare liberamente tratto da La paga del sabato di Beppe Fenoglio. Ingresso libero con tessera Arci, per prenotazioni 011.7071885 – [email protected]

Cristian Cerruto Delmastro e Diego Viarengo in È sempre sabato sera quando non si lavora. Foto di Samuele Carosiello.

Cristian Cerruto Delmastro e Diego Viarengo in È sempre sabato sera quando non si lavora. Foto di Samuele Carosiello.

Morale necessità

Una volta che ero a casa di Cristian, e ancora È sempre sabato sera quando non si lavora era una fantasia, avevo trovato nella sua libreria il volume Einaudi delle lettere di Fenoglio; dentro quel libro c’è anche questa:

 

A Italo Calvino, Torino

Alba, 14 febbraio 1951

Caro Calvino:

Ti mando per corriere La paga del Sabato nella sua ultima stesura.

Spero avrai ricevuto la mia lettera precedente e confermo quanto in essa ti ho scritto.

Guardatemi questo romanzo così com’è ora e se credete di poterlo pubblicare, fatelo, che ne ho morale necessità.

Per debito di dovere e di riguardo dò la notizia anche al Sig. Vittorini.

Grazie di tutto, Caro Calvino, e cordiali saluti. Saluta per me la signora Ginzburg.

Beppe Fenoglio

Poi È sempre sabato sera quando non si lavora, un’idea di spettacolo tratta da La paga del sabato di Beppe Fenoglio, è diventato delle prove, delle musiche, un copione, delle foto e via così.

Sabato 25 aprile alle 21,30 a Casseta Popular, Via Tripoli 56, Grugliasco (Torino), È sempre sabato sera quando non si lavora, da La paga del sabato di Beppe Fenoglio, dovrebbe diventare uno spettacolo.

CCD e DDT, in è Sempre sabato sera quando non si lavora, foto di Samuele Carosiello

CCD e DDT  in è Sempre sabato sera quando non si lavora, foto di Samuele Carosiello

 

Che fare?

Nel 1902 Vladimir Il’ič Ul’janov, meglio noto come Lenin, pubblica a Stoccarda Che fare? Problemi scottanti del nostro movimento. 

Nel 1968 Mario Merz espone Che fare?

che fare mario merz

Nel 1991 Lorenzo Cherubini, anche noto come Jovanotti, pubblica Una tribù che balla, il suo quarto disco. La traccia numero nove è: Cosa dovrei fare, di Jovanotti, Michele Centonze, Saturnino Celani e Toto Cutugno.

Samuele Carosiello© per È sempre sabato sera quando non si lavora

Samuele Carosiello© per È sempre sabato sera quando non si lavora

Sabato 25 aprile 2015 al circolo Arci Casseta Popular di Torino c’è È SEMPRE SABATO SERA QUANDO NON SI LAVORA liberamente tratto da La paga del sabato di Beppe Fenoglio, alle 21,30.

 

Uno spettacolo di dire e di ballare

Uno spettacolo a proposito del fatto che nessuno ti insegnerà a ballare

Samuele Carosiello© per È SEMPRE SABATO SERA QUANDO NON SI LAVORA

Samuele Carosiello© per È SEMPRE SABATO SERA QUANDO NON SI LAVORA

Sabato 25 Aprile per la Festa della Liberazione, a Casseta Popular in via Tripoli 56 -Grugliasco (Torino), alle 21,30, con Cristian Cerruto Delmastro e Diego Viarengo, facciamo uno spettacolo che parla di alcune cose e in particola modo del fatto che, alla fine, nessuno ti può insegnare a ballare davvero.

È uno spettacolo tratto da La paga del sabato, un libro di Beppe Fenoglio, uno scrittore italiano morto nel 1963.

Le correzioni

Caro Fenoglio,

ho letto La paga del sabato. L’ho potuto leggere solo ora perché non ho avuto, in questi mesi, un momento di respiro. Ma il tuo racconto mi ha preso dalle prime pagine e ho dovuto andare sino in fondo. Ti dico subito quel che ne penso: mi sembra che tu abbia delle qualità fortissime; certo anche molti difetti, sei spesso trascurato nel linguaggio, tante piccole cose andrebbero corrette, molte cose urtano il gusto – specie nelle scene amorose – e non tutti i capitoli sono egualmente riusciti.

Però sai centrare situazioni psicologiche particolarissime con una sicurezza che davvero mi sembra rara. […]

Ora non posso dirti niente su eventualità di pubblicazione o altro. Tu sarai ansioso, lo capisco, ma devi ancora aver pazienza. Lo leggeranno altre persone. Io ti ho detto quello che ne penso personalmente.

Ti farò sapere qualcosa presto. Tu sta’ in gamba e continua

Italo Calvino, 2 novembre 1950, Torino.

Samuele Carosiello© per È SEMPRE SABATO SERA QUANDO NON SI LAVORA

Samuele Carosiello© per È SEMPRE SABATO SERA QUANDO NON SI LAVORA

Caro Elio [Vittorini],

ti mando il manoscritto de La paga del sabato, di un certo Beppe Fenoglio di Alba. Natalia [Ginzburg] ed io l’abbiamo letto con molto piacere. È un libro che ha molti difetti di lingua e di gusto (in certi punti rasenta la pornografia); ma tutti difetti locali, eliminabili con poche correzioni. E ne salta fuori un robusto narratore, fuori da ogni compiacimento letterario, con un sacco di cose da dire. Ci sono certi litigi con la madre, certi desinari in famiglia, tante cose di rapporti familiari o amorosi o umani, che davvero mi sembrano molto belle.

Italo Calvino, 8 novembre 1950, Torino.

Samuele Carosiello© per È SEMPRE SABATO SERA QUANDO NON SI LAVORA

Samuele Carosiello© per È SEMPRE SABATO SERA QUANDO NON SI LAVORA

Tratto da La paga del sabato di Beppe Fenoglio, È SEMPRE SABATO SERA QUANDO NON SI LAVORA, è uno spettacolo con Diego Viarengo e Cristian Cerruto Delmastro che si fa sabato 25 aprile 2015 a Casseta Popular, vicino a Torino, alle ore 21,30.

Un sabato festa della Liberazione

Samuele Carosiello© per È SEMPRE SABATO SERA QUANDO NON SI LAVORA

Samuele Carosiello© per È SEMPRE SABATO SERA QUANDO NON SI LAVORA

È SEMPRE SABATO SERA QUANDO NON SI LAVORA è uno spettacolo tratto da La paga del sabato di Beppe Fenoglio.

Va in onda a Casseta Popular, via Tripoli 56, Grugliasco (Torino), alle ore 21,30, il 25 aprile 2015.  Un sabato Festa della Liberazione.

Vietato ballare

(Paolo Madeddu intervista Giorgio Faletti, 4 luglio 2014)

Ok. Torniamo alla musica, e a come è entrata nella tua vita. Intanto, è vero che i tuoi genitori sono stati arrestati perché ballavano?
“Sì, nel giugno del 1943. Il regime fascista aveva vietato i balli”.

Questa non la sapevo. Ma perché?
“Anche per rispetto a chi moriva in guerra, credo. Però sai, la gente – era già un periodo di merda, se gli togli pure quello. Allora ci si radunava nelle aie, nei magazzini, e si facevano i rave dell’epoca. Con una fisarmonica e un violino. Una sera è arrivata la polizia e se li sono bevuti tutti quanti. Ho recuperato persino il verbale. Mio padre e mia madre non me ne avevano mai parlato”.

Si vergognavano?
“Credo che mio padre temesse che io diventassi uno scapestrato, non volevano darmi pure questo alibi… Mi ha fatto una tenerezza immensa, avevano 19 e 17 anni”.

(intervista integrale)

Samuele Carosiello© per È SEMPRE SABTO SERA QUANDO NON SI LAVORA

Samuele Carosiello© per È SEMPRE SABTO SERA QUANDO NON SI LAVORA

È SEMPRE SABATO SERA QUANDO NON SI LAVORA è uno spettacolo tratto da La paga del sabato di Beppe Fenoglio; si fa sabato 25 aprile 2015 al Circolo Arci Casseta Popular via Tripoli 56, Grugliasco (Torino), alle 21,30.

Ci sono anche delle canzoni.